Comune di Napoli: il bando esplicato per 370 Maestre e Istruttori socio-educativi

Non sarà un vero e proprio concorso a cattedra quello indetto dal Comune di Napoli in intesa col Formez e la Commissione Interministeriale, ma siamo sicuri che attirerà candidati da tutto il sud Italia, creando comunque forte interesse nazionale.
Ecco perchè abbiamo deciso di spiegarvi il bando.

I posti a bando sono 370, divisi in 2 gruppi:
- 185 con procedura ordinaria, ovvero sottoposti a concorso dall’esterno, al quale potranno partecipare tutti i cittadini italiani e comunitari, o cittadini di Paesi terzi aventi i requisiti di legge. QUESTI POSTI DEVONO ANCORA ESSERE BANDITI!

Attualmente invece è stata bandita la cd. “procedura speciale riservata”, ovvero riservata a chi è già o è stato dipendente dipendente del Comune. I posti sono ulteriori :
- 185 unità di personale a tempo indeterminato, riservate a coloro che alla data del 30 ottobre 2013 hanno maturato, nei cinque anni precedenti a tale data, almeno tre anni di servizio (pari a n. 1095 giorni), anche non continuativi, con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato alle dipendenze del Comune di Napoli,
Questi 185 posti riservati, verranno suddivisi in 2 categorie:
Categoria con Codice DSI/NA :
n.91 (novantuno) “Maestre” Categoria C posizione economica C1 (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, Comparto Regioni Autonomie Locali).
Categoria con Codice ISE/NA :
n.94 (novantaquattro) “Istruttori socio-educativi”, Categoria C posizione economica C1 (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, Comparto Regioni Autonomie Locali).

Per partecipare ai concorsi bisogna possedere uno (o più) dei seguenti titoli:
per i candidati al Codice DSI/NA – Maestra
A: Diploma di Laurea in Scienze della Formazione Primaria – Indirizzo Scuola dell’Infanzia
Oppure
B: Abilitazione all’Insegnamento nelle scuole del grado preparatorio rilasciata da scuole magistrali legalmente riconosciute o paritarie (purché conseguita entro l’anno scolastico 2001/2002) unitamente all’Abilitazione all’Insegnamento nella scuola dell’infanzia statale a seguito di concorso statale o di corso abilitante;
Oppure
C: Diploma di maturità professionale di tecnico dei servizi sociali già diploma di Assistente di Comunità Infantile rilasciato da Istituti scolastici riconosciuti o paritari (purché conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002) a conclusione di corso sperimentale progetto “Egeria” comprensivo del titolo di Abilitazione all’insegnamento nelle scuole del grado preparatorio di cui al punto B, unitamente all’Abilitazione all’insegnamento nella scuola dell’infanzia statale a seguito di concorso statale o di corso abilitante;
Oppure
D: Diploma quadriennale di Istituto Magistrale purché conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;
Oppure
E: Diploma quadriennale di Istituto Magistrale conseguito dopo l’anno scolastico 2001/2002 o Diploma quinquennale di Liceo Socio-psico-pedagogico, unitamente all’Abilitazione all’insegnamento nella scuola dell’infanzia statale a seguito di concorso Statale o di corso abilitante.

per i Candidati al Codice ISE/NA – Istruttore socio-educativo
- Diploma di laurea nella classe delle lauree in Scienze dell’educazione o in Scienze della formazione ed equiparate ai sensi del D.M. 9.7.2009;
- sono altresì validi i corsi di laurea di secondo livello o di specializzazione in pedagogia, psicologia o discipline umanistiche ad indirizzo socio-psico-pedagogico; o diploma di maturità magistrale o di maturità rilasciato dal liceo socio-psico-pedagogico o di abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio, o diploma di puericultrice (fino ad esaurimento del titolo) o maestra di scuola dell’infanzia (fino ad esaurimento del titolo) o vigilatrice d’infanzia (fino ad esaurimento del titolo).

 

La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 12 Dicembre 2014, e va presentata esclusivamente via internet, tramite il sistema step-one, domanda di ammissione compilando l’apposito modulo elettronico disponibile sul sito http://ripam.formez.it.
Per la partecipazione a ciascun codice dovrà essere effettuato un versamento della quota di partecipazione di € 15,00 (quindici/00 euro)

 

Vediamo ora come è strutturato il concorso.

Per la procedura speciale sono previste 3 fasi di concorso, che prevedono 2 prove:
- una fase selettiva scritta, consistente in un’unica prova per la verifica delle conoscenze relative al profilo professionale per il quale si concorre, alle tecnologie informatiche e della comunicazione nonché ad una delle seguenti lingue dell’Unione Europea, inglese, francese, tedesco e spagnolo;
- una fase selettiva orale riservata a coloro che avranno superato la prova scritta, consistente in un colloquio, con apposite Commissioni d’esame che redigeranno una graduatoria sommando i punteggi conseguiti nelle prova scritta e nella prova orale, nonché i punteggi attribuiti ai titoli;

Cominciamo dalla valutazione dei titoli:
ad essa va conferito un valore complessivo massimo di 30 punti; sarà effettuata prima della prova orale sulla base delle dichiarazioni dei candidati acquisite on-line e sulle successive ed evnutali richieste di approfondimento della Commissione.
Saranno valutati:
a) l’esperienza professionale maturata nel Comune di Napoli, eccedente quella necessaria per l’ammissione alla procedura, secondo il punteggio di cui al successivo comma;
b) il diploma di laurea, individuato all’art. 3 del presente bando per ciascun profilo professionale posto a concorso, ulteriore rispetto al titolo dichiarato per la partecipazione alla selezione, secondo i seguenti punteggi:
n. 5 punti se conseguita con votazione 110 e lode (o 100 e lode se espressa in centesimi)
n. 4 punti se conseguita con votazione da 100 a 110 (o da 90 a 100 se espressa in centesimi)
n. 3 punti se conseguita con votazione da 66 a 99 (o da 60 a 89 se espressa in centesimi)
La valutazione del servizio prestato di cui alla precedente lettera a), è effettuata sulla base della domanda compilata on-line, secondo il seguente criterio di calcolo:
n.0,25 punti per ogni mese di esperienza professionale maturata, anche in maniera non continuativa, alle dirette dipendenze del Comune di Napoli nel profilo specifico per il quale si concorre. A tal fine il candidato dovrà sommare tutti i giorni di servizio complessivamente prestati in base alle date espressamente indicate dai contratti stipulati, e riportare il totale di giorni così calcolato, nell’apposito modulo on line. In tale calcolo il candidato dovrà necessariamente escludere i tre anni complessivi di servizio (1095 giorni) necessari per partecipare alla selezione di cui al presente bando.

Prova scritta
La prova selettiva scritta verrà espletata mediante la somministrazione di quesiti a risposta multipla afferenti i seguenti contenuti:

Per i candidati al codice DSI/NA:
Cultura generale, Costituzione della Repubblica Italiana, Disciplina del lavoro pubblico, Elementi di Sociologia, Elementi di Pedagogia e di Psicologia dell’età evolutiva, Legislazione Sociale e Scolastica, Elementi di Pronto Soccorso e Igiene. In tale sede, ai sensi dell’art. 37 del D.lgs 165/2001, sarà accertata la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e di una lingua straniera a scelta tra inglese, francese, tedesco o spagnolo;

Per i candidati al codice ISE/NA:
Cultura Generale, Costituzione della Repubblica Italiana; Disciplina del lavoro pubblico, Elementi di Pronto Soccorso, Igiene, Puericultura, Psicopedagogia. In tale sede, ai sensidell’art. 37 del D.lgs 165/2001, sarà accertata la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e di una lingua straniera a scelta tra inglese, francese, tedesco o spagnolo.

Prova orale
La prova selettiva orale consiste in un colloquio che verterà sulle materie della prova scritta direttamente riferite alle conoscenze specifiche richieste dal profilo professionale per il quale si concorre.
La prova avrà luogo a partire dal giorno successivo allo svolgimento della prova scritta, nel corso della quale saranno indicati ai candidati gli altri dettagli sulle modalità di convocazione, ordine di presentazione, sede e orari di svolgimento dei colloqui.

Selezioni Tfa sostegno: cosa e come studiare

Al via i corsi di specializzazione in attività di sostegno didattico per l’anno 2014/2015. Per la prima volta potranno concorrere per uno del 6.602 posti disponibili anche i candidati in possesso del diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02, dichiarato abilitante da una sentenza del consiglio di Stato ( DPR pubblicato sulla GU del 15 maggio 2014). Le prove di selezione vengono elaborate da ciascun ateneo sulla base di un programma ministeriale (allegato C al dm del 30 settembre 2011).

Il programma d’esame è molto vasto ed i temi complessi ed articolati: cosa studiare allora per prepararsi alle selezioni? Da dove partire?
La cosa migliore è partire dalle prove ufficiali dello scorso anno. Sono reperibili on-line le prove di diversi atenei.

Ricordiamo che lo scorso anno diversi atenei hanno tratto integralmente le prove selettive dai volumi Edises in commercio.

http://www.orizzontescuola.it/news/test-ingresso-specializzazione-sostegno-copiati-testo-delledises-commercio
http://www.tecnicadellascuola.it/item/1762-test-sostegno-messina-come-palermo.html
http://www.orizzontescuola.it/news/test-ingresso-specializzazione-sostegno-piattaforma-edises-orizzontescuola-linea-test-universit
http://www.orizzontescuola.it/news/lettera-specializzazione-sostegno-palermo-sia-infanzia-che-primaria-test-gi-presenti-testo-edis
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=52776&action=view
http://www.tecnicadellascuola.it/item/1714-specializzazione-sul-sostegno-a-palermo-i-test-erano-gia-noti.html

Esercitati con noi!
A disposizione di tutti i candidati ai corsi di specializzazione del Sostegno didattico il Software di Simulazione Edises mediante cui esercitarsi in vista della preselezione
Accedi al Simulatore – Sostegno didattico

 

I quesiti ufficiali e il calendario del concorso

Ecco il sito dedicato alle attività di esercitazione per la prova preselettiva del concorso a cattedra.
Accedendo all’area Esercitatore potrai effettuare delle simulazioni del test composte a partire dall’archivio domande da cui verranno estratte le domande che ti saranno proposte il giorno della prova preselettiva.
Anche se hai già sostenuto un test su un modulo di verifica potrai in ogni momneto ripeterlo. Inoltre l’esercitatore che hai a disposizione è analogo allo strumento che verrà utilizzato il 17 e il 18 dicembre per la somministrazione della prova preselettiva. L’esercitazione, così come la prova preselettiva vera e propria, si concluderà dopo 50 minuti.
Solo per l’esercitazione, potrai concludere il test prima dello scadere dei 50 minuti se avrai risposto a tutte le domande.

È stato inoltre pubblicato il documento ufficiale con le associazioni candidati aule per lo svolgimento della prova preselettiva.
Potrete scaricare il documento accedendo alla sezione Normativa.

Calendario delle prove e pubblicazione dei quesiti

A partire dalle ore 20.00 di oggi sarà disponibile sul sito del Ministero e sui siti degli Uffici Scolastici Regionali, l’elenco delle sedi, delle sessioni e dei candidati alla prova preselettiva divisi per regione.

Sempre a partire dalle ore 20.00 di oggi, inoltre, i candidati potranno prendere visione dell’archivio da cui saranno estratti i quesiti di cui al comma 2 dell’art. 5 del bando di concorso attraverso una procedura che permetterà nello stesso tempo anche di familiarizzare con le modalità con le quali si svolgerà la prova preselettiva. Il simulatore infatti riproduce, in 70 blocchi da 50 quesiti ognuno, le stesse modalità di funzionamento del software che sarà utilizzato nelle aule informatizzate destinate all’espletamento della prova preselettiva.
Il simulatore consente, altresì, a ciascun candidato di avere il riepilogo delle simulazioni già effettuate.
Nei prossimi giorni sarà attivata una funzione che consentirà la segnalazione di eventuali osservazioni sui quesiti presenti nell’archivio.

A proposito della pubblicazione dei quesiti

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, i quiz non saranno pubblicati in elenco, in un ampio faldone in pdf, come era successo per il concorso dei presidi, con l’indicazione della risposta esatta in alto.
Ci saranno 70 blocchi da 50 domande, 70 simulazioni di prova che potranno essere svolte dai candidati per intero o in parte. Bisognerà accedere tramite codice fiscale e il canditato ad ogni accesso avrà sempre davanti la sua paginata personale, con un segnalibro che indicherà quali simulazioni sono già state eseguite. Anche quelle già svolte, comunque, si potranno ripetere.

Alla fine di ogni prova il candidato visualizzerà il proprio voto e le domande che risultano sbagliate, ma senza poterne conoscere la risposta esatta.
Per sapere quale sia la risposta giusta, in pratica, l’aspirante docente dovrà cercare le informazioni necessarie, dovrà documentarsi. Insomma, dovrà studiare le domande, non solo imparare a memoria le risposte.

Avviso del ministero circa la prova preselettiva del concorso a cattedra

La prova preselettiva si svolgerà nelle giornate del 17 e 18 dicembre 2012 nelle sedi e secondo il calendario delle sessioni di esame che verranno pubblicati il giorno 27 novembre 2012 sulla rete intranet e sul sito del MIUR, nonché sui siti internet degli Uffici Scolastici Regionali.
Nella stessa giornata, verrà pubblicato sul sito del MIUR l’archivio completo da cui saranno estratti i quesiti della prova di preselezione e verranno fornite indicazioni sulle modalità di restituzione al candidato di copia della prova svolta, qualora richiesta.
Continua a leggere

Slitta la pubblicazione delle date della preselezione

Slitta la pubblicazione, prevista per oggi, delle date e delle sedi della prova preselettiva.
In gazzetta ufficiale, infatti, è stata data notizia del rinvio al 27 novembre. In quella data, i candidati avranno tutte le informazioni sulla prova preselettiva e potranno iniziare a consultare l’Esercitatore, che verrà messo in linea dal ministero, con le 2.500 domande (3.500 con quelle di lingua straniera) predisposte dal Cineca.

Ammissione al concorso a cattedra

Sono oltre 2000 i candidati laureati dopo il 2001 che hanno aderito al ricorso collettivo promosso dall’ANIEF per richiedere l’ammissione con riserva al concorso. Il ricorso al Tar deve essere notificato entro la terza settimana del mese, ovvero entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto in gazzetta. Il termine per la presentazione delle domande è oggi, 7 novembre alle ore 14

Per aderire al ricorso chiedi le istruzioni a concorsoacattedra@anief.net